Home Page - ANA Gruppo Alpini di Novara

IL CUORE PER AMARE E LE BRACCIA PER LAVORARE
GLI ALPINI ARRIVANO A PIEDI LA DOVE GIUNGE SOLTANTO LA FEDE ALATA
Vai ai contenuti
Associazione Nazionale Alpini

Gruppo di Novara

M.A.V.M. Angelo Lorenzoni
  
  
Buon compleanno agli Alpini, Amici ed Aggregati che in questo mese spegneranno una candelina
ALPINI
Franco, Maurizio, Angelo, Marcello, Gaetano, Luigi Giuseppe, Eugenio, Alessio, Antonio
AMICI ED AGGREGATI
Osvaldo, Giovanni L., Marco, Giovanni P., Claudio, Liliana, Giuliana, Silvia
  
Giovannone, così veniva chiamato Giovanni Cattaneo da tutti quelli che lo conoscevano e che gli volevano bene.
Ed erano tanti, perché a Giovannone non si poteva voler altro che bene.
Alpino, Capogruppo degli Alpini di Recetto, volontario nella Protezione Civile dell'A.N.A., sempre pronto a rispondere presente quando era necessario.
Si occupava di cucina, era un cuoco che, anche improvvisando, era in grado di sfamare centinaia di persone.
Settimane di presenza continua durante gli interventi della Protezione Civile a causa dei terremoti e delle alluvioni che hanno colpito il nostro paese.
Gli veniva chiesto di cucinare per centocinquanta persone e poi se ne trovava il triplo da sfamare, ma nessuno se ne andava a pancia vuota, riusciva sempre a inventarsi qualcosa che, pur nell'emergenza, riuscisse a dare un po' di sollievo ai meno fortunati.
Dieci anni fa era stato inviato con la rappresentanza italiana ad Haiti per partecipare ai soccorsi della popolazione colpita dal terremoto.
Alle Adunate Nazionale veniva precettato per occuparsi della cucina dei volontari del Servizio d'Ordine Nazionale.
Lo stesso dicasi per i campi estivi riservati agli studenti ed organizzati dalla Sezione di Novara.
Con il suo sorriso bonario ed il suo tono pacato conquistava subito l'attenzione e la simpatia dei ragazzi partecipanti.
Senza di lui, oggi, siamo tutti più poveri.
  
  
Adunata spostata ad ottobre
 
 
La 93ª Adunata Nazionale degli Alpini, in programma dal 7 al 10 maggio a Rimini-San Marino, è stata rinviata alla seconda metà di ottobre – fatte salve valutazioni successive che saranno legate all’evolversi dell’emergenza – tenendo conto anche delle comunicazioni ricevute dalle autorità del Comune di Rimini e della Repubblica di San Marino.
 
Lo ha deciso all’unanimità il Consiglio Direttivo Nazionale dell’Associazione Nazionale Alpini, riunito oggi in videoconferenza.
 
Il rinvio è stato ovviamente determinato dal perdurare dell’emergenza sanitaria nazionale, che rende non realizzabile la concentrazione di alcune centinaia di migliaia di persone per tre giorni in una sola località.
 
“L’esigenza di tutelare la salute di tutti – ha sottolineato il presidente nazionale dell’Ana, Sebastiano Favero – è prioritaria. L’Adunata, che dalla fine della Seconda guerra mondiale non si è mai interrotta, è la più importante manifestazione al mondo organizzata da una Associazione d’arma, con lo spirito di amicizia e solidarietà che da sempre contraddistingue gli Alpini. Un grande messaggio di pace e fratellanza che rimane ovviamente immutato anche con uno spostamento di alcuni mesi. In autunno – continua Favero – sarà ancora più bello ritrovarsi e, auspicabilmente, festeggiare tutti insieme la fine di questo difficilissimo momento per il nostro Paese”.
 
“Nel frattempo – conclude Favero – uomini e donne dell’Associazione Nazionale Alpini continueranno con immutato spirito di servizio a lavorare a sostegno degli interventi di emergenza in atto, non solo a Bergamo, dove diventerà operativo il nostro Ospedale da campo in tempi brevissimi, ma in tutto il Paese, portando ovunque il loro contributo di solidarietà e capacità, da sempre conosciuto ed apprezzato”.
  
Gli impegni di MARZO
  • Tutte le attività sono sospese fino al 03 aprile
Gli impegni di APRILE
  • Sabato 4 e domenica 5: Turni di vigilanza museo Rossini
  • Tutti i venerdì apertura della sede dalle 20,30 alle 24,00
  
  
  
Torna ai contenuti